zona-franca-sardegna-logo

Lettera da un zonafranchista emigrato e risposta della Randaccio

  • Sabato, 08 Febbraio 2014 19:56
|  
(0 Voti)
Pubblicato in News Sardegna  
|   Etichettato sotto   

Pubblichiamo questa bella lettera giunta in Redazione oggi e la risposta che la dottoressa Randaccio ha voluto dare a questo ragazzo che segue le vicende della sua terra da lontano.

 

"Cari amici sardi, fratelli e sorelle che amano come me questa splendida isola di Sardegna, vi scrivo queste parole da emigrato sardo con il cuore in Sardegna perché per noi il legame con la Sardegna è come l’amore verso la propria madre. Nella giornata del 16 Febbraio 2014 avete la possibilità di dare il vostro aiuto a questa terra sostenendo la rivendicazione di un diritto per tutti i sardi di ottenere la zona franca integrale, diritto che la dott.ssa Randaccio e l’avv. Scifo hanno portato all’attenzione di tutti i sardi dopo due lunghi anni di incontri pubblici per una conoscenza condivisa di questo importante strumento di politica economica per la nostra regione.

Oggi accusano il Movimento Zona Franca Lista Randaccio di essere schierato e di non essere rimasto apartitico.

Ma viviamo su questa terra e in questo paese chiamato Italia, e siamo quindi consapevoli che esistono due grandi coalizioni nel nostro paese che decidono, nel bene e nel male, il nostro futuro e anche quello della zona franca in Sardegna. La Zona franca integrale in Sardegna per essere attuata ha necessità di essere rivendicata a livello nazionale ed è necessario quindi che la forza politica sarda che vincerà le prossime elezioni sia favorevole a questo diritto e ne sia competente giuridicamente e fiscalmente.

Ecco perché il Movimento Zona Franca Lista Randaccio ha scelto la coalizione del centro destra che sostiene la zona franca integrale come strumento di economia politica per il futuro di questa regione, e non ha scelto la coalizione del centro sinistra che sostiene che la zona franca sia un “asino che vola”. La vostra scelta, se siete favorevoli alla zona franca, non deve limitarsi all’appartenenza ideologica ad un partito, ma deve guardare nel merito e nella competenza la professionalità dimostrata dalla Dott.ssa Randaccio, in materia fiscale e giuridica in questi anni di rivendicazione.

Esiste una speranza di un domani migliore per i figli di questa isola, per tanti giovani e per tanti emigrati di ritornare a casa, quella speranza oggi si chiama Zona Franca Integrale. Sosteniamo la Dott.ssa Randaccio per tenere accesa quella speranza."

Un zona franchista sardo emigrato

 

La risposta della dottoressa Randaccio:

"Carissimo Amico, ti ringrazio per la tua testimonianza di Vero Zonafranchista. Purtroppo non tutti i Sardi sono intelligenti come te, anzi questa circostanza ci fa capire proprio perché a tutt'oggi la Sardegna non sia stata attivata come Zona Franca Integrale.


Siamo ancora molto locos e molto male unidos, ma aggiungerei anche molto presuntuosi perché pensiamo che anche senza una robusta cultura giuridico-fiscale si possa vincere contro il Fisco, e si possa ambire ad una poltrona di Consigliere in Consiglio Regionale.


Ma se tutti ci sono contro è perché contro di noi si è scatenata una campagna mediatica di disinformazione che ha come unico obiettivo quello di ingannare i sardi e dimostrare - ignorandoci - che il nostro movimento NON ESISTE!
Tutto questo accade perché i Signori delle Banche che sono proprietari anche dei giornali che si pubblicano in Sardegna, sanno che noi abbiamo ragione da vendere.

E ti ricordo anche che i suddetti Signori delle Banche, sono proprietari oltre che dei nostri giornali, anche dei partiti della Sinistra Italiana, che sono contro la Zona Franca, perché (se noi ci attivassimo) potremmo intercettare tutto il commercio delle merci che provengono dall'Oriente, ossia tutti i prodotti che vengono trasportati delle navi container che arrivano dalla Cina e dall'India e che oggi vanno a scaricare nelle zone franche d'Europa come Rottherdam, Anversa, Amsterdam, Amburgo, che stanno sull'Atlantico; città ricchissime dove hanno sede le Banche più potenti del Mondo; città che che sono state costruite sulla foce dei fiumi navigabili più lunghi d'Europa; città che hanno decine e decine di chilometri di banchine in zona franca!"

Maria Rosaria Randaccio



Letto 3863 volte Ultima modifica il Domenica, 16 Febbraio 2014 02:45

Written By:

Ufficio Stampa

Questo sito utilizza cookie tecnici per la navigazione. Non vengono raccolte informazioni personali.

Se continui la navigazione, accetti l'utilizzo di questi cookie. Per saperne di piu'

Approvo

ultimi EVENTI

Nessun evento

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità.

Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.

ImpronteDigitali Graphics & WebDesign

 

Potresti leggere anche questi!