zona-franca-sardegna-logo

La centrale Enel del Sulcis non rende abbastanza: rischio chiusura e disoccupazione record

  • Giovedì, 20 Febbraio 2014 11:08
|  
(4 Voti)
Pubblicato in News Sardegna  
|   Etichettato sotto   

Fulvio Conti è un imprenditore, e come tutti gli imprenditori fa scelte di tipo economico: la fabbrica non rende, la fabbrica si chiude.
L'amministratore delegato di Enel probabilmente applicherà questo ragionamento anche alla centrale del Sulcis, con ricadute drastiche sull'autonomia energetica del territorio e sul livello occupazionale.


Mauro Pili parla di "tentativo palese di mettere sotto scacco l’intero popolo sardo e le sue imprese", ma forse sarebbe meglio parlare di sciacallaggio: non è la prima volta (e forse non sarà l'ultima), che la Sardegna viene sfruttata per ricevere finanziamenti destinati alle zone disagiate, utilizzati per l'avviamento di imprese che in poco tempo spariscono lasciando una lunghissima scia di rifiuti e disoccupazione.

Rimane un grande punto interrogativo l'incapacità della classe politica Sarda di difendere a spada tratta gli interessi di un popolo, della sua industria e del suo futuro.

Approfondimento consigliato: Le miniere del Sulcis, pozzo senza fondo degli aiuti di Stato

Fonte: LiberoQuotidiano

Letto 2598 volte Ultima modifica il Giovedì, 20 Febbraio 2014 11:37

Written By:

ZonaFranca

Questo sito utilizza cookie tecnici per la navigazione. Non vengono raccolte informazioni personali.

Se continui la navigazione, accetti l'utilizzo di questi cookie. Per saperne di piu'

Approvo

ultimi EVENTI

Nessun evento

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità.

Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.

ImpronteDigitali Graphics & WebDesign

 

Potresti leggere anche questi!