zona-franca-sardegna-logo

Ufficio Stampa

Ufficio Stampa

Mercoledì, 12 Febbraio 2014 19:16

Conferenze stampa a Cagliari il 13.02.2014

 

CONFERENZE STAMPA DEL MOVIMENTO SARDEGNA ZONA FRANCA A CAGLIARI

Domani 13 febbraio 2014 a Cagliari si terranno 2 conferenze stampa del Movimento Sardegna Zona Franca Lista Randaccio nella sede di Via Dante ( locali della ex Biochimica, tra il Cimitero ed il Tribunale dei Minori).

Importante risultato per i trasporti sardi al Ministero dei Trasporti. "Le tariffe, concordate nell'accordo del luglio del 2013 dopo i blocchi nei porti, resteranno invadiate per tutto il 2014". Ci comunica la bella notizia Piero Muscas, candidato nel Movimento Sardegna Zona Franca della Lista Randaccio nella circoscrizione di Cagliari come autotrasportatore che era presente al tavolo ministeriale presieduto dal Sottosegretario Rocco Girlanda (con Piero Muscas nella foto).

Pubblichiamo questa bella lettera giunta in Redazione oggi e la risposta che la dottoressa Randaccio ha voluto dare a questo ragazzo che segue le vicende della sua terra da lontano.

Ancora una volta il Centro Sinistra e Pigliaru si esprimono contro l'applicazione della zona franca come strumento economico per la salvezza dell'economia della Sardegna, mettendo in evidenza non solo la completa disinformazione e ignoranza nell'argomento, ma anche nei confronti dei propri elettori.

Pigliaru dice "...Cappellacci ha parlato di zona Franca, ma noi abbiamo una lettera della presidente Boldrini che gli ha risposto e gli ha chiesto con quali soldi ha intenzione di fare la zona franca, con quelli della sanità o dell'istruzione forse?".

 

Finalmente un'occasione di visibilità nazionale per la Zona Franca Integrale della Sardegna. 

Da questa mattina è in diretta nazionale su Sky TG24 e su TGcom24 il discorso di Silvio Berlusconi in occasione della campagna elettorale di Ugo Cappellacci, schierato con la Dottoressa Maria Rosaria Randaccio, candidata last minute a seguito della discesa in campo del partito di Gigi Sanna a nome del Movimento.

Quella per la Zona Franca è prima di tutto una battaglia di libertà. Decidere la nostra politica fiscale vuol dire poter aumentare i consumi, far crescere le imprese, e con esse il lavoro.

Le Zone Franche, lavorano per favorire il mercato interno. Tutte le più grandi società automobilistiche, elettroniche, informatiche e farmaceutiche del mondo, hanno insediamenti in Zone Franche.

Ad esempio il Messico ha realizzato Zone Franche che hanno assorbito al loro interno oltre 1 milione e duecentomila dipendenti. Lo sviluppo delle zone franche è avvenuto in tutti i continenti, contribuendo ad accrescere l’economia e ad attrarre capitali.

In Cina, entrata a pieno nel mercato globale, c'é stato un boom di Zone Franche negli anni novanta, attirando il 70% del capitale estero che ha generato il 60% del PIL cinese. Le Zone Franche cinesi hanno dimensioni variabili, dalle poche decine di kmq, sino a raggiungere l’incredibile cifra di 34.000 kmq dell’intera isola di Hainan, grande come la Sardegna e la Corsica messe insieme, è la principale Zona Franca della Cina. Tutti i nostri vicini, hanno creato un reticolo di Zone Franche, specie nell’Europa dell’Est e in Turchia, che hanno attirato ingenti investimenti esteri e generato flussi economici enormi. Nel mondo sono operative oltre 2 mila e trecento Zone Franche.

La Sardegna attraversa il periodo più triste e drammatico degli ultimi 50 anni, e lo sconforto nei confronti della politica è dentro ognuno di noi. Ma non facciamoci del male da soli. Queste elezioni segneranno la rotta per i prossimi anni. Non ci saranno altre occasioni. Oggi o mai più.

La Zona Franca non rientra nei progetti del Centro Sinistra, così come la Murgia nel suo programma la cita una sola volta e parla di fiscalità di vantaggio per le imprese. Ovvero dell'estensione delle Zone Franche Urbane, stile Sulcis, a tutte le province. La Zona Franca Urbana è intervento inutile.

Oggi più che mai c'è la necessità di evitare di cedere in logiche lontane dai nostri interessi. L'alleanza con la coalizione di Centro Destra è un atto dovuto. Non possiamo professarci Zonafranchisti convinti, e non fare nulla per la sua affermazione. Rispettabili le considerazioni di chi ha deciso di scendere in campo con altra lista. Ma non possiamo trascurare che quella scelta è un atto che ci allontana moltissimo dal nostro progetto; che è un progetto di governo. Non di opposizione. Quando i consiglieri della lista autonoma Zona Franca saranno eletti, qualora vincesse il Centro Sinistra, si collocherebbero in evidente opposizione. Qualora vincesse il Centro Destra di Cappellacci, essi sarebbero ancora all'opposizione. Ciò che il popolo chiede alla politica è coerenza.

Abbiamo sempre sostenuto che Zona Franca non è ne di destra ne di sinistra. La Zona Franca è il benessere della gente.

A questo ha pensato la Dottoressa Maria Rosaria Randaccio quando, spinta dai Movimenti, ha accettato di mettere il suo nome in una lista che ha un progetto serio e credibile. Un progetto di governo condiviso dal Presidente Cappellacci. Progetto fatto proprio dal Presidente con atti concreti vedi delibere regionali, coinvolgimento UE, modifica art. 12 dello Statuto, diffida alle dogane.

Tutto questo è stato possibile grazie a due fattori principali: il primo è legato alla grande determinazione di una donna, che si è spesa come nessun'altro per divulgare la conoscenza di questo straordinario strumento di politica economica, sconosciuto ai più. Ed in secondo luogo la grande forza che il popolo ha saputo imprimere, ora conscio dei propri diritti, che la Dottoressa ha saputo spiegare con la più sincera semplicità.

Che cosa avverrebbe in assenza di un progetto di governo Zonafranchista? E' innegabile che non appoggiare la Lista Randaccio significa avvantaggiare il più potente oppositore della Zona Franca: il Centro Sinistra. Dunque saremo sconfitti tutti, nessuno escluso. Perché indipendentemente dall'appartenenza politica di ogni Zonafranchista, ciò di cui tutti noi siamo coscienti, è che non c'è futuro senza la Zona Franca.

 

LOGO ZONA FRANCACagliari, 13 gennaio 2014 - ore 21.30.

La corsa all'ultimo minuto per la presentazione dei candidati si è conclusa alle ore 20.00 presso i tribunali di ogni circoscrizione della Sardegna. I candidati ufficiali della coalizione del Movimento Sardegna Zona Franca Lista Randaccio sono i seguenti:

Circoscrizione di Cagliari: Maria Rosaria Randaccio, Gloria Denotti, Daniela Noli, Francesca Pili, Silvia Pitzalis, Francesca Mura, Danila Orani, Lalla Meriem Bemboussalham, Fabio Usai, Modesto Fenu (noto Modesto), Piero Muscas, Luca Sanna, Piero Cannas, Marco Lovico, Roberto Madeddu, Mariano Pitzalis, Stefano Todde, Paolo Cardu, Serafino Giuseppe Melis, Ferdinando Mattana. 

Circoscrizione di Sassari: Gian Mario Sircana, Patrizia Cossu, Barbara Sanna, Margherita Stefania Cuccu, Antonino Giordano Benedetto, Daniele Cadeddu, Marco Marras, Gianluca Pilo, Marco Calvìa, Antonio Marras, Michel Mistidda, Leonino Campus.

Circoscrizione di Oristano: Antioco Patta, Carmen Madau, Gigi Carboni, Maria Pinna, Alessandro Piras, Luciano Sanna.

Circoscrizione del Sulcis-Iglesiente: Anna Claudia Mariani (nota Claudia), Antonio Deias, Aldo Mulas, Salvatore Mura. 

Circoscrizione del Medio Campidano:  Roberto Esu, Maria Rosaria Raiola, Luigi Usai (noto Gigetto), Fernando Atzei. 

Circoscrizione di Nuoro: Piero Giorgio Pira, Cristoforo Muntone, Loredana Careddu, Pinuccia Patteri, Luigi De Murtas, Andrea Floris.

Circoscrizione di Olbia-Tempio: Gaetana Frassetto, Andreas Coni, Angelo Mannu, Giuseppe Baffigo, Aldo Demartis. 

Circoscrizione dell'Ogliastra: Letizia Deidda, Gian Luca Giuseppe Piras. 

 

Auguriamo a tutti i candidati un enorme "in bocca al lupo" e buona zona franca a tutti!

 

Appuntamento domenica 19 gennaio 2014 alle ore 10.30 presso la Fiera di Cagliari per la presentazione ufficiale della lista e del programma elettorale alla presenza del Governatore Ugo Cappellacci, del Deputato Salvatore Cicu e tutti i vertici del partito di Centro Destra e delle liste della coalizione. 

Web Team

 

 

 

 

 

 

 

conferenza-stampa
 
 
 
 
CONFERENZA STAMPA DEL 8 GENNAIO 2014
 
 
 
La Conferenza Stampa di domani 8 gennaio 2014 alle ore 11.00 si terrà  presso la Sala Conferenze del T Hotel in Via Dei Giudicati n. 66 a Cagliari e non più in Via Dante. Ci scusiamo per il disguido dovuto a motivi tecnici.
 
 
Web Team
 

1530493 498244726955317 694283575

 

Cagliari, 3 gennaio 2014 - ore 21.15.

Il sito internet ufficiale della zona franca si fa promotore di una lodevole iniziativa denominata "BambInsieme" e organizzata dalla signora Roberta Monti, in collaborazione con Arte Ballo Cabaret, con patrocinio dal Comune di Olbia. L'iniziativa consiste nella creazione di laboratori Ri-Creativi per tutti i Bambini residenti a Olbiadi età compresa fra i 3 e i 10 anni.

L'ingresso è gratuito presso il Delta Conference Center della zona industriale di Olbia.

I bambini saranno impegnati tutto il giorno con giochi e attività ludico ricreative e a svolgere i compiti assegnati per le vacanze. Gli orari sono dalle ore 8:00 alle ore 20.00 con pausa pranzo dalle 13:15 alle 14:45

 

La sera della chiusura dell'attività, prevista per il 6 gennaio, ci sarà una festa ed una recita. Facciamo appello affinché si regali a questi bambini, provati dal dramma dell'alluvione dello scorso 18 novembre, una calza natalizia con regali o dolciumi di vario genere. Saranno molto graditi.

Informazioni Roberta 348.0391823 - Giomaria 345.2208972 - Giò 340.0985776.

 

Web Team

 

 

Questo sito utilizza cookie tecnici per la navigazione. Non vengono raccolte informazioni personali.

Se continui la navigazione, accetti l'utilizzo di questi cookie. Per saperne di piu'

Approvo

ultimi EVENTI

Nessun evento

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità.

Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.

ImpronteDigitali Graphics & WebDesign