zona-franca-sardegna-logo

 

In occasione della convocazione nella giornata di domani 10 giugno 2014 presso la Prefettura di Cagliari, la dott.ssa Randaccio chiede ai zonafranchisti e tutti coloro che vorranno essere presenti per supportare questa importante azione portata avanti dal Movimento Sardegna Zona Franca, di recarsi in Piazza L'Unione Sarda a Cagliari alle ore 11.00 circa per un primo incontro informativo relativo a quanto emergerà dalla sopra citata riunione.

Sarà l'occasione per spiegare le azioni intraprese e discutere su quelle future che il Movimento e chi vorrà sostenerlo dovranno intraprendere.

Chi non potrà essere presente potrà tenersi informato attraverso i comunicati in tempo reale del sito internet ufficiale.

Pubblicato in Press

Oggi, a Cagliari, alla presentazione del libro sulla zona franca di Aldo Berlinguer e Tore Cherchi abbiamo assistito alla performance da operetta del potere che si è esibito in una rappresentazione sprezzante e macabra ai danni della Sardegna.

I due autori del libro sono stati marginalizzati per fare passare una tesi di un gruppo dominante di personaggi che ha perso qualunque riscontro con la realtà.

Hanno parlato di recinzioni, di costruzioni, di scarsa utilità della zona franca, a dispetto dei dati che loro stessi sciorinavano senza nemmeno capire ciò di cui parlavano.

Parlavano come se non esistesse la possibilità di esercitare la Zona franca in modalità non interclusa. Parlavano di vincoli fisici, quando questi negli altri porti (Taranto e Gioia Tauro) sono stati superati da zone franche già operative. Posti dove il Dominus della gestione del carico e scarico merci è esclusivamente l’Autorità Portuale che “prende in carico” le merci estere nelle aree, solo virtualmente qualificate, ammettendo al regime ogni azienda - nazionale o estera - che si vuole accreditare entro il perimetro di riferimento, con un beneficio rivolto ad ogni settore merceologico, con la possibilità, per il Porto (ed il territorio di sostegno) di poter offrire servizi differenziati in ragione delle diverse esigenze richieste dalle eterogenee necessità merceologiche. Hanno deciso di fare melina per impedire che la Sardegna abbia qualsiasi possibilità di sviluppo. Hanno deciso di castrare una formidabile opportunità per tutta l'Isola.

Hanno deciso di rinunciare a porre i porti del'isola all’avanguardia rispetto all’esercizio delle agevolazioni “territoriali” di rango comunitario, hanno deciso di non porsi come hub alternativo (e competitivo) rispetto ai grandi porti del Nord Europa e del Mediterraneo; hanno deciso di cedere ad altre regioni il naturale “passaggio a Sud” per ogni rotta comunitaria ed extra comunitaria di provenienza estera.

Hanno deciso di rinunciare ad assumere, nel breve periodo, ogni più moderna configurazione concessa dalla disciplina doganale di riferimento.

Hanno deciso di non offrire alle aziende che vorranno servirsene, varie possibilità di trasformare materie prime e semilavorati, in sospensione di ogni fiscalità doganale, garantendo allo stesso tempo la neutralità Iva ed accise.

Vogliono un popolo di schiavi e, purtroppo, ce l'hanno. Ci hanno lanciato ancora i più beceri epiteti e così hanno fatto per i movimenti che abbiamo animato in questi due anni. E' il potere e lo subiamo, per ora non possiamo ingaggiare una battaglia campale, ma siamo ottimi guerriglieri!

Francesco Scifo

Pubblicato in News Sardegna

L’art. 2 della Legge n.28/97 - che ha recepito la Direttiva n.95/7/CE del 20.05.97 del Parlamento e del Consiglio - prevede che possano effettuare acquisti e importazioni senza il pagamento dell’IVA, i soggetti che si trovano nelle condizioni previste dall’art. 1 del D.L. n.746/83, convertito nella Legge n.17/84, ossia i soggetti che risiedono in territori titolari del diritto alla Zona Franca.

Il suddetto art. 1 del D.L. n.746/83, convertito nella Legge n.17/84, è stato integrato dall’art.1 comma 381 della Legge n.311/2004 che, oltre ad apportare modifiche all’art.8 del D.P.R. n.633/72, ha precisato che:

I soggetti residenti nelle zone franche, qualora intendano avvalersi dell’opportunità di effettuare acquisti e importazioni senza il pagamento di dazi doganali, Iva ed Accise, devono presentare all’Agenzia delle Entrate, apposita Dichiarazione d’Intento redatta in conformità al modello approvato dal Ministero dell’Economia e Finanze, contenente l’indicazione della partita IVA del dichiarante, dell’Agenzia delle Entrate competente per territorio, e che detta dichiarazione debba essere consegnata o spedita anche ai fornitori, ovvero presentata in Dogana prima della effettuazione di ogni singola operazione.

Modalità di compilazione della suddetta Dichiarazione d’Intento sono state individuate nella Risoluzione Ministeriale n.82/E del 1° Agosto 2012 (Agenzia delle Entrate Direzione Centrale servizi ai contribuenti) emanata a seguito delle modifiche normative introdotte dall’art.2 comma 4 del D.L. n.16/2012 convertito nella Legge n.44/2012 (vedi anche Disegno di Legge n.958 del 2013).

Maria Rosaria Randaccio

Pubblicato in News Sardegna

Grazie ad una "Magistratura Lumaca" oggi siamo in grado di far annullare tutti gli accertamenti fiscali dell’Agenzia delle Entrate e le relative Cartelle Esattoriali emesse da Equitalia in questi ultimi 20 anni. Questa affermazione non è frutto di fantasia e tantomeno può essere considerata una sparata pubblicitaria del Movimento Sardegna Zona Franca, ma è una verità semplice semplice, che seppure lentamente, sta entrando nella consapevolezza dei Sardi e degli Italiani che seguono la nostra attività di ricerca della verità ai fini di giustizia. Infatti dall’anno 2000, i Giudici del Lavoro subentrati ai giudici del Tar in materia di pubblico impiego, non avendo la necessaria cultura sulla materia fiscale, hanno più o meno consapevolmente causato un danno all’erario di proporzioni enormi, provocato dal fatto che ancora oggi, a distanza di 15 anni, non hanno trovato il coraggio di decidere sui ricorsi proposti dai “veri” Dirigenti del Ministero delle Finanze che chiedono la restituzione ai propri ruoli Dirigenziali di legittima appartenenza, ossia i ruoli della Carriera Direttiva ordinaria disciplinata dal D.P.R. n.748/72, nei quali erano stati inquadrati ai sensi dell’art. 10 della Legge n.397/75. Dirigenti che a “loro insaputa” nel 1990, sono stati illecitamente e illegittimamente retrocessi dalla carriera dirigenziale a quella impiegatizia, ai sensi di due leggi successivamente (dopo due anni) abrogate dalla Legge n.127/97 (art. 17 comma 82 e 137), conosciuta come Bassanini 2, dove si prevede che tutti i Dirigenti del Ministero delle Finanze e i Segretari Comunali le cui carriere risultavano tra loro equiparate, dovessero venire restituiti d’ufficio ai ruoli Dirigenziali di legittima appartenenza. I Dirigenti defenestrati, che si sono rivolti alla Magistratura, lo hanno fatto non solo per ottenere giustizia, ma anche per informare la Magistratura su fatti penalmente rilevanti, conseguenti a una dimostrabile infiltrazione di tipo malavitoso all’interno del Ministero delle Finanze, che ha generato convivenze inquietanti riconducibili ad un vero e proprio “Colpo di Stato Permanente”. Infatti, grazie alla sentenza del Tar del Lazio n.6884 del 1° agosto 2011, è stato dimostrato che dentro tutte le agenzie delle Entrate d’Italia, gli Incarichi Dirigenziali sottratti ai Veri Dirigenti di cui sopra, sono stati conferiti a dei semplici impiegati in violazione di quanto previsto dall’art.97 della Costituzione dove si prevede che: “I pubblici uffici sono organizzati secondo disposizioni di legge, in modo che siano assicurati in buon andamento e l’imparzialità dell’amministrazione. Nell’ordinamento degli uffici sono determinate le sfere di competenza, le attribuzioni e le responsabilità proprie dei funzionari. Agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni si accede mediante pubblico concorso.”

Il danno all’erario causato dalla Magistratura, che non decide o che sbaglia, deriva dal fatto che nel frattempo sono state emesse milioni di cartelle esattoriali sottoscritte da chi non poteva firmarle, cioé da coloro che non hanno titolo ad essere identificati come “Autorità Finanziaria”, il titolo giuridico indispensabile per rendere “esigibili i tributi evasi tramite la sottoscrizione del ruolo di Riscossione”, il quale che una volta sottoscritto, viene trasmesso ad Equitalia per la emissione della relativa Cartella Esattoriale e i successivi adempimenti esecutivi ai sensi: dell'art.1 della Legge n. 858/1963; dall'art. 1 del D.P.R. n.633/1972 e dall'art.12 del D.P.R. n.602/1973. Appare pertanto evidente che ai sensi dell’art.97 della Costituzione, non possano essere considerati “Autorità Finanziaria” dei semplici impiegati inquadrati nella 9° qualifica funzionale, seppure vincitori di un “Concorso Interno” indetto dal Ministero delle Finanze, e ancora meno lo siano dei semplici impiegati che non hanno sostenuto neppure il suddetto Concorso!

Maria Rosaria Randaccio

 

 

Pubblicato in News Sardegna

Cari amici zona franchisti,
per poterci difendere dalla guerra di predazione silenziosa, che le Banche d’affari di mezzo mondo stanno conducendo da anni contro lo Stato Italiano e quindi contro i cittadini di questo paese, è necessario che divulghiamo a tutti coloro che ci seguono le notizie che non potranno mai apprendere né dalla stampa né dalle televisioni, in particolare sul fatto che costoro (Banche d’Affari) stanno comprando a prezzi stracciati, tutti i beni del nostro patrimonio Storico-Archeologico, Artistico e persino Naturale (spiagge).
Patrimonio Pubblico che viene Venduto/Alienato/Valorizzato/Privatizzato (tutti sinonimi di Svendita) per pagare/ripianare il nostro Debito Pubblico, ossia quel debito che hanno fatto i Politici scellerati che hanno rubato dalle casse dello Stato a piene mani, magari con sistemi sofisticati come quello di attribuirsi stipendi, vitalizi , indennità e buonuscite milionarie in Euro e miliardarie in Lire, senza che per questo siano stati mai denunciati o condannati, e addossando a noi poveri cittadini inermi le conseguenze delle loro ruberie e malefatte, sicuramente configurabili come il reato penalmente rilevante.

Debito pubblico che anziché venire regolarmente ricontrattato, viene fatto crescere per poter giustificare la predazione del patrimonio pubblico, ossia quel patrimonio che tutto il mondo ci ha sempre invidiato, patrimonio che ora tramite i loro prestiti, le suddette Banche d’Affari sono riusciti a scipparci illegalmente e illecitamente, in quanto si tratta di vendite/alienazioni/valorizzazioni/privatizzazioni, che non potrebbero realizzarsi ai sensi delle norme sulla contabilità di Stato e del Codice Civile, in quanto si tratta di un Patrimonio che è stato classificato come “Patrimonio Indisponibili del Demanio Pubblico “, si tratta cioé, di quei beni che appartengono a tutti (NOI) cittadini Italiani, compresi, i nostri figli, nipoti e pronipoti, ossia i cittadini che nasceranno in futuro in questa magnifica terra!
E come abbiamo potuto verificare anche personalmente, nelle nostre ultime elezioni Regionali, costoro (Banche D’Affari) si intromettono, condizionando e manipolando i risultati elettorali, senza che nessuno si opponga a certi comportamenti palesemente illeciti e illegittimi.
Il loro condizionamento è rivolto contro tutti quelli che, come Noi Zonafranchisti, cercano di creare ricchezza per il Paese, mentre a loro (Banche) interessa solo che l’Italia venga governata male, possibilmente da chi è privo di senso morale, oppure dai ladri oppure da idioti e incapaci, ovviamente caldamente sponsorizzati e finanziati da queste Banche che detengono monopolisticamente anche la comunicazione, ossia la Stampa, i Giornali e le televisioni.


Abbiamo capito che chi viene mandato a governare è tenuto a sperperare allegramente i soldi pubblici, così che poi, quando le casse dello Stato saranno vuote e serviranno i soldi per pagare stipendi e pensioni, interverranno loro, le Banche, che ci presteranno altrettanto allegramente i soldi, tanto sanno che Noi i soldi che loro ci hanno prestato, non potremmo mai restituirli, dal momento che negli ultimi anni, abbiamo svenduto tutti i beni che procuravano entrate extrafiscali alle casse dello Stato, ossia le entrate che provenivano - per esempio - dagli affitti a terzi del patrimonio immobiliare degli Enti Previdenziali, e quindi ora, chi ci governa, con la scusa di non voler far aumentare ulteriormente le tasse (le più alte al mondo) al popolo messo definitivamente in ginocchio da Equitalia, impone come necessaria persino la svendita dei “gioielli di famiglia”, ossia di quei beni che fanno parte del Patrimonio Storico Artistico e Archeologico ovviamente Indisponibile, che per legge non potrebbero essere venduti-alienati-valorizzati-privatizzati.

 

Infatti dai tempi della nascita dello Stato Italiano, la custodia e la salvaguardia del Patrimonio del Demanio Pubblico era stata affidata alle cure agli Intendenti di Finanza, ossia la categoria più elevata dei Dirigenti Pubblici, ossia i Burocrati incorruttibili per eccellenza, figura di funzionari pubblici istituita sin dai tempi della monarchia Sabauda che gestiva attraverso gli Intendenti di Finanza, le entrate e le uscite dello Stato.
Ebbene questa figura apicale di Dirigenti Pubblici è stata decapitata attraverso una loro illecita e illegittima retrocessa in carriera, attuata con il loro inquadramento nella 9° qualifica Funzionale, retrocessione che è stata attuata ai sensi di una legge abrogata qualche anno più tardi, ma che nonostante questa abrogazione, che li aveva cosi gravemente penalizzati, gli stessi non sono stati mai più restituiti ai loro incarichi dirigenziali.
Il suddetto inquadramento (nella 9° qualifica) risulta ancora più assurdo se pensiamo che da una posizione apicale con poteri paragonabili a quelli del Ministro delle Finanze, i suddetti Intendenti di Finanza, sono stati degradati e retrocessi in carriera, con mansioni di semplici impiegati, mentre i loro poteri sono stati trasferiti in capo ai Politici corrotti.
Da allora, la figura dell’ Intendente di Finanza non è stata mai sostituita con analoga figura Dirigenziale avente prerogative analoghe.
Ma tutto questo non si è realizzato per caso, bensì in base ad un ben preciso progetto criminale, di cui solo ora siamo diventati consapevoli, e cioè quello di privare l’Italia della propria sovranità’, dopo averne svenduto ai saldi i suoi immensi Tesori.
Gli Intendenti di Finanza vengono infatti eliminati nel 1989 in concomitanza con la “Caduta del Muro di Berlino” e quindi con la perdita di efficacia di quanto sancito nella Conferenza di Yalta che aveva visto l’Europa divisa in due tronconi e aveva visto l’Italia affidata all’egemonia americana.
Nel 1989 con l’emanazione della Legge n.349/89 molti compiti e funzioni delle Intendenze di Finanza vengono trasferite alle Dogane, ma non le funzioni e i compiti degli Intendenti di Finanza, che passano in capo agli Uffici Centrali del Ministero del Tesoro e delle Finanze, che a loro volta li affidano non ai Dirigenti dello Stato - come previsto dall’art. 97 della Costituzione - ma ai politici i quali a loro volta trasferiscono questi poteri addirittura a personale straniero, esterno all’Amministrazione Pubblica come “Intermediatori Finanziari”, oppure a dei fantomatici “Immobiliaristi“ i quali sottoscrivono atti di alienazione del Patrimonio Pubblico, senza la preventiva e indispensabile “sdemanializzazione“ di quei Beni, ossia quel provvedimento dirigenziale che doveva venire sottoscritto esclusivamente e contestualmente dall’Intendente di Finanza e dal Prefetto, provvedimento in assenza del quale le suddette vendite-alienazioni-valorizzazioni-privatizzazioni sarebbero addirittura “inesistenti”. 

Leggete l'articolo!

Maria Rosaria Randaccio

 

 

Pubblicato in News Sardegna

Cari amici Zonafranchisti, come avete avuto modo di verificare, sulla base della normativa fiscale che ho richiamato nelle ultime comunicazioni trasmesse, la normativa comunitaria in tema di Zone Franche è stata recepita dall’Italia in leggi che sono state approvate dal nostro Parlamento. Ma quello che ancora in molti non sanno è che qualora lo Stato Italiano abbia dimenticato di recepire nelle proprie leggi la normativa comunitaria, oppure pur avendola recepita si sia dimenticato di attuarla (come è accaduto per la nostra Zona Franca!) tutti i cittadini di questo Stato sono chiamati a pagare delle multe aalatissime per il mancato adempimento della norma comunitaria da parte dei politici che abbiamo eletto come nostri rappresentanti al vertice delle nostre istituzioni.

Queste multe salatissime inflitte dall’Europa allo Stato Italiano, che le fa pagare ovviamente ai cittadini di questo paese con l’aumento della pressione fiscale, si chiamano “Procedure di infrazione” e sono disciplinate dall’art.6,  8 e 9 della Legge n.128/1998 dove si prevede che: "Al fine di assicurare la piena integrazione delle norme comunitarie nell’ordinamento nazionale, il Governo, fatte salve le norme penali vigenti, è delegato ad emanare, entro due anni dalla data di entrata in vigore della presente legge, disposizioni recanti sanzioni penali o amministrative per le violazioni di direttive delle Comunità Europee, (disposizioni recanti) sanzioni attuate in via regolamentare o amministrativa ai sensi della Legge n.146/1994, della Legge n.52/96, nonché della presente legge e per le violazioni di regolamenti comunitari vigenti alla data di entrata in vigore della stessa.

Quindi, se abbiamo ben capito, dopo l’INGANNO .....la BEFFA! Noi cittadini Sardi, che siamo vittime di quei politici che non hanno voluto o si sono dimenticati (si fa per dire) di attivare la Zona Franca su tutto il territorio della Sardegna, con le modalità previste nelle Direttive Comunitarie richiamate nel D.lgs. n.75/98, potremmo, un domani, venire chiamati a rispondere delle sanzioni pecuniarie che l’Europa dovrà infliggere all’Italia – tramite procedura di infrazione - proprio per il mancato rispetto della normativa comunitaria sulla Zona Franca Sarda, istituita e non ancora attivata a distanza di 15 anni dall’emanazione del D.lgs. n.75/98.

Maria Rosaria Randaccio

Pubblicato in News Sardegna

"Dividi ed Inperat" dicevano e facevano gli antichi Romani quando conquistavano un nuovo territorio. La strategia non è cambiata, però questa volta, quello che noi abbiamo fatto ai "Barbari" (ossia a chi non parlava la lingua latina e balbettava) oggi lo fanno agli Italiani le Banche del Nord Europa!

Abbiamo capito o no che - se l'Italia - posta al centro del Mar Mediterraneo, fosse una Nazione normale, ossia che avesse un Parlamento composto da gente normale che fa gli interessi di coloro che che li hanno mandati a governare, esprimendo realmente la propria preferenza, avrebbe le sue Dieci Zone Franche come la Germania, la Francia, la Spagna e la Grecia?

Le nostre ataviche divisioni in Stati e Staterelli, in partiti e partitini, in Sindacati e Lobbies non si realizzano per caso, ma in base ad un ben preciso disegno strategico-politico che da molti anni gli italiani stanno subendo senza rendersene conto.


Infatti se noi avessimo istituito quelle Zone Franche che ci competono di diritto, in base al trattato di Roma e al Trattato di Lisbona, avremmo certamente fatto una spietata concorrenza alle altre Zone Franche del Belgio, dell'Olanda, della Germania e dell'Inghilterra,
paesi che hanno collocato le proprie Zone Franche, alla foce dei fiumi navigabili più lunghi d'Europa.
Nazioni che per loro tornaconto, sono stati costretti ad eliminare il loro più temibile concorrente e lo hanno fatto con un sistema molto semplice: intromettendosi e interferendo nelle vicende politiche e sindacali Italiane tramite certe "Organizzazioni" che sembrano nostre ma sono loro perche sono loro che li foraggiano facendo arrivare interi container di "cocaina" da loro sdoganati, il cui ricavato serve a
mantenere un sistema che si prefigge unicamente di "sputtanare " l'Italia nel mondo!

Dobbiamo renderci conto che A FAR FALLIRE L'ITALIA e mettere in crisi le altre Nazioni che si affacciano sul Mar Mediterraneo, come la Spagna e la Grecia, nazioni che invece al pari della nostra, sarebbero geograficamente deputate (e quindi per volere Divino) ad intercettare e sdoganare tutti i traffici delle Navi Container che provengono - attraverso il canale di Zuez - dall'Oriente, ossia della Cina dall'India dall'Indonesia, ecc. ecc. E'STATA LA STRATEGIA VINCENTE DEI NOSTRI CONCORRENTI BELGI, OLANDESI, INGLESI E TEDESCHI". 

Maria Rosaria Randaccio

Articolo La Nuova Sardegna

Pubblicato in News Sardegna

Invito tutti i Sardi che ci seguono e che hanno fiducia in noi a riflettere sul fatto che l’Italia, posta al centro del Mar Mediterraneo, pur potendolo fare, ai sensi dell’art. 166 del Regolamento Comunitario n.2913/92 del Consiglio, non abbia istituito sul proprio territorio altre Zone Franche oltre la Sardegna, ed abbia addirittura rischiato di non poter più esercitare questo diritto, a seguito della entrata in vigore del Trattato di Lisbona, dove si prevedeva che con il nuovo Codice Doganale Comunitario (la cui data di entrata in vigore era stata prevista per il 24 Giugno 2013) si sarebbe fatto divieto agli Stati Membri l’istituzione e l’attivazione di nuove zone franche rispetto a quelle già esistenti ed operanti.

Se quella famigerata data del 24 giugno 2013, è stata rinviata al 2016, forse è anche merito di noi Zonafranchisti che abbiamo divulgato la conoscenza del D.lgs. n.75/1998, ed abbiamo denunciato la rapina di quel diritto da parte dell’Italia e dell’Unione Europea.

Ed abbiamo anche convinto 340 Sindaci della Sardegna a dichiarare il proprio territorio Zona Franca, dopo aver indicato a tutti quelli che ci seguono (e sono tanti!) i riferimenti giuridici utili ad esercitare questo diritto, che non avremmo più potuto esercitare direttamente, essendo lo stesso transitato dai poteri del Parlamento italiano a quello Europeo.

Eppure sappiamo che le altre nazioni europee (Germania in testa) hanno usufruito a piene mani di quanto sancito dall' art. 166 del Codice Doganale Comunitario (approvato con il Regolamento n.2913/92 con le modalità previste dal suo Regolamento di attuazione n.2454/93 della Commissione), istituendo decine di zone franche su tutto il territorio europeo.

Noi italiani, invece abbiamo addirittura un Partito (PD) che si oppone ferocemente non solo alla attivazione della zona franca in Sardegna, ma impedisce allo Stato Italiano di istituirne - al pari delle altre nazioni europee - le dieci zone franche che abbiamo diritto ad avere e che sarebbero il toccasana per fare uscire l’Italia della attuale crisi economica.


Crisi economica che possiamo considerare la peggiore di tutta la storia d’Italia, peggiore persino delle crisi economiche conseguenti alle due guerre mondiali, dove tutti trovavano facilmente occupazione nella ricostruzione degli edifici distrutti dalle bombe!

Eppure sappiamo che, ai sensi dell’art.87 (ex 92) del Trattato sulla Comunità Economica Europea (attuale Unione Europea), non sono considerati aiuti di Stato gli aiuti destinati a favorire lo sviluppo economico di territori ove il tenore di vita della popolazione sia anormalmente più basso rispetto al resto dell’Europa, oppure si abbia una grave forma di sottooccupazione conseguente alla deindustrializzazione.

Cosi come sappiamo che per un elementare principio di uguaglianza o non discrimine, ai sensi della Legge n.1438/1949 integrata dall’art.20 bis del D.L.n.1351/64 convertito nella Legge n.28/65 e della n.762/73, (leggi nelle quali è stata recepita la normativa comunitaria sulle zone franche) i residenti nei territori di confine, nelle isole, nei territori gravati da difficoltà nei collegamenti e nei trasporti, o nei territori in cui è posta a rischio la coesione sociale, hanno diritto ad ottenere sui beni al consumo l’esenzione da Dazi Doganali, Iva ed Accise.

Ciò detto, vorrei dare un consiglio a tutti coloro che ci seguono: per una volta almeno proviamo a DIFFIDARE di coloro che ci propongono divisioni ideogiche, partitiche o sindacali, e proviamo a ragionare con la nostra testa sulle cose che saranno utili oltre che a noi anche ai nostri figli, i quali hanno diritto ad avere un lavoro ed una pensione per poter vivere nel paese più bello del mondo.

Non sarà che i cosiddetti "Poteri forti", abbiano impedito all’Italia l'istituzione e l’attivazione delle sue dieci zone franche (come la Germania) per poterla così mandare in fallimento, e di conseguenza, dopo averla comprata a prezzi di saldo, potersi impadronire indisturbati anche del Mar Mediterraneo, dove l’Italia possa essere usata come propria base logistica d’appoggio per i loro traffici?

Maria Rosaria Randaccio

Pubblicato in News Sardegna

Premesso che l’articolo 5 comma 3 della Direttiva n.2006/112/Ce del Consiglio sul “Sistema Comune d’imposta sul valore aggiunto (IVA) precisa che per “TERRITORI TERZI” si intendono le “ZONE FRANCHE” richiamate (in forma di Sineddoche) dall’art. 6 della stessa Direttiva, e che per “PAESE TERZO” si debba intendere ogni Stato o Territorio cui non si applica il Trattato sulla Unione Europea (Trattato di Lisbona); se è vero come è vero che il D.lgs.n.75/98 con il quale la Sardegna è stata dichiarata Zona Franca Integrale e al Consumo non è stato ABROGATO, allora vuol dire che la Sardegna e i Sardi sono destinatari anche di quanto previsto dalla Legge n.28/97 con la quale è stata recepita la Direttiva n.95/7/CE del 20.05.97 del Parlamento e del Consiglio, che all’art.2 prevede che possano effettuare acquisti e importazioni senza il pagamento dell’Iva, i soggetti che si trovano nelle condizioni previste dall’art.1 del D.L. n.746/83 convertito nella Legge n.17/84, come integrato dall’art.1 comma 381 della Legge n.311/2004, ossia l’articolo che ha apportato modifiche all’art. 8 comma 1 lett.c  del DPR n.633/72, dove si precisa che i soggetti che si trovano nei territori dichiarati zona franca, “qualora intendano avvalersi dell’opportunità di effettuare acquisti e importazioni senza il pagamento dell’Iva (DPR n.633/72) e delle Accise (D.lgs. n.18/2010) devono presentare all’Agenzia delle Entrate apposita “Dichiarazione” nella quale esprimono l’"Intento" di volersi avvalere della possibilità di effettuare acquisti o importazioni senza l’applicazione della imposta. Dichiarazione che deve essere redatta in conformità al modello approvato con Decreto del Ministro delle Finanze, contenente l’indicazione della partita Iva del dichiarante, nonché l’indicazione dell’Agenzia delle Entrate competente nei propri confronti, e che detta dichiarazione - oltre che all’Agenzia delle Entrate - deve essere consegnata o spedita anche ai fornitori o prestatori ovvero presentata in dogana, prima della effettuazione di ogni singola operazione.

Modalità di compilazione delle Dichiarazione d’intento,che sono state individuate con la Risoluzione n.82/E del 1°Agosto 2012 dell’Agenzia delle Entrate (Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti) con il seguente oggetto: modalità di compilazione del Modello di comunicazione dei dati contenuti nelle dichiarazioni d’intento ricevute, approvato con provvedimento del 14 marzo 2005, a seguito delle modifiche normative introdotte dall’art.2, comma 4 del D.L. n.16/2012 convertito nella Legge n.44/2012".

Risoluzione dove si prevede che l’assolvimento dell’adempimento non è più richiesto entro il giorno 16 del mese successivo a quello del ricevimento della dichiarazione d’intento ma entro il termine di effettuazione della prima liquidazione periodica in cui confluisce l’operazione realizzata senza l’applicazione dell’imposta ai sensi dell’art. 8 comma 1 lett. c) del DPR n.633/72.

Risoluzione con la quale si prevede la possibilità di utilizzo della vecchia modulistica, quella approvata con provvedimento del 14 marzo 2005, nelle more dell’approvazione di una nuova versione della modulistica (e non solo) contenuta nel Disegno di Legge n.958/2013 attualmente al vaglio del Parlamento.

Il D.lgs. n.471/1997 all’art. 6 comma 2 e all’art.7 comma 4/bis, prevede severe sanzioni per chi viola rispettivamente:

a) gli obblighi inerenti alla documentazione e alla registrazione di operazioni non imponibili o non soggette ad Iva (Art.6 comma 2 modificato da Legge n.228/2012 art. 1 comma da 334 a 344);
b) il cedente o il prestatore che omette di inviare, nei termini previsti, la dichiarazione d’intento o la invia con i dati incompleti o inesatti (art.7 comma 4/bis)

Obblighi che rammentiamo sono meglio specificati agli artt.8,10,12 e 14 del regolamento emanato con DPR n.435/2001, dove si prevede che “sono esonerati dall’obbligo di presentazione della dichiarazione Iva e di tenuta dei prescritti registri Iva, nonche’ del registro dei bei ammortizzabili, i contribuenti che nell’anno solare precedente hanno registrato esclusivamente operazioni esenti o non imponibili, in quanto esonerati ai sensi di specifiche disposizioni normative, a condizione che le registrazioni siano effettuate nel registro cronologico di cui all’art.3, comma 2 lett a del DPR n.695/96 e che le suddette annotazioni nel registro cronologico sono equiparate a tutti gli effetti a quelle previste nei registri prescritti ai fini dell’Iva.

Pertanto il soggetto (fornitore) che emette fattura di vendita a fronte di una dichiarazione d’intento spedita da un cliente, deve indicare obbligatoriamente in fattura i seguenti dati:

1) “non imponibile Iva ai sensi dell’art.8 comma 1 lett.c DPR n.633/72;
2) Indicazione del numero della dichiarazione d’intento con l’indicazione della data di emissione della stessa dichiarazione;
3) Applicazione della marca da bollo di €2,00 in caso di importo di fattura superiore a €77,47;

La dichiarazione d’intento va redatta in duplice esemplare e numerata progressivamente dal dichiarante e dal fornitore o prestatore, annotata entro i 15 giorni successivi a quello di emissione o ricevimento in apposito registro tenuto a norma dell’art.39 del DPR n.633/72 e successive modificazioni, e conservata a norma dello stesso articolo.

Gli estremi della dichiarazione devono essere indicati nelle fatture emesse in base ad essa, per ogni anno solare e deve riportare i dati anagrafici del dichiarante, la quantita di beni da acquistare o la caratteristica del servizio. Inoltre, deve essere indicato se la dichiarazione ha valore per una singola operazione o per operazioni che saranno effettuate in un determinato periodo dell’anno fino a concorrenza di un determinato ammontare. La validità non può andare oltre il 31 dicembre di ogni anno.

Si precisa infine che i dati contenuti nella dichiarazione d’intento vanno trasmessi all’amministrazione finanziaria da parte dei fornitori solo online, direttamente o tramite un’intermediario abilitato.

L’art.21 comma 6 del DPR n.633/72 prevede che la fattura deve essere emessa anche per le cessioni non soggette all’imposta a norma dell’art.2 comma 1 relativa a beni in transito o depositati in luoghi soggetti a vigilanza doganale, nonché per le Operazioni non Imponibili di cui agli artt. 8,8/bis 9 e 38 quater e per le Operazioni esenti di cui all’art.10.

Ravvedimento: con circolare n. 41/E del 26 settembre 2005 l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che l’omessa o errata comunicazione di dati incompleti o inesatti, può essere oggetto di ravvedimento ai sensi dell’art.13 del D.lgs. n.472/1997 a cui si applica la sanzione ridotta a un quinto del minimo se versata entro un anno dalla violazione commessa.

Maria Rosaria Randaccio

 

Pubblicato in News Sardegna

Se è vero come è vero che il D.lgs. n.75/98 non è stato ancora abrogato, vuol dire che la Sardegna e i Sardi sono destinatari della seguente normativa:

  • D.lgs. n.504/95 emanato in attuazione alla Direttiva n.92/12/CEE del Consiglio del 25.02.92 e della Direttiva n.92/108/CEE del Consiglio del 14.12.92
  • D.lgs. n.26/2007 emanato in attuazione della Direttiva n.2003/96/CEE;
  • D.lgs. n.48/2010 emanato in attuazione della Direttiva n.2008/118/CE;
  • D.lgs. n.57/2011 emanato in attuazione della Direttiva n.2010/12/UE

La suddetta normativa prevede che i residenti nei territori dichiarati Zona Franca non debbano pagare Accise ai sensi:

1) dell’art. 1 comma 3 del D.lgs. n.48/2010 che nel riscrivere l’art. 1 del D.lgs. n.504/95 precisa che, ai fini dell’applicazione del presente Testo Unico, si intende per “Stato” o “ territorio dello Stato” il territorio della Repubblica Italiana, con esclusione dei Comuni di Livigno e di Campione d’Italia e delle acque italiane del Lago di Lugano (dimenticando la Valle D’Aosta il comune di Gorizia e anche Gioia Tauro e quindi come sineddoche);

2) dell’art. 1 comma 2 lett. g ed h (del riscritto D.lgs. n.504/95), “per regime doganale sospensivo si deve intendere una delle procedure speciali previste dal Regolamento CEE n.2913/92 relativo alla vigilanza doganale di cui sono oggetto le merci non comunitaria al momento dell’entrata nel territorio doganale della Comunità, la custodia temporanea, le zone franche o i depositi franchi, nonché uno dei regimi di cui all’art. 84 paragrafo 1 lett. a di detto regolamento".

Il legislatore Italiano nel riscrivere il suddetto articolo 1 del D.lgs. n.504/95 (ad opera del D.lgs. n.48/2010), ha dovuto tener conto di quanto previsto dalla Direttiva comunitaria alla quale intendeva dare attuazione (ossia la Direttiva n.2008/118/CE - che all’art. 4 punto 2 precisa che si deve intendere per “Stato Membro” o “Territorio di uno Stato Membro” il territorio della comunità al quale si applica il trattato a norma dell’art.299 dello stesso, ad eccezione dei territori terzi”); e al punto 4 (dell’art.4 della Direttiva n.2008/118/CE) specifica che per “territorio Terzo si deve intendere qualsiasi territorio identificato al successivo art.5, comma 2 e 3, ossia i territori europei dichiarati zona franca, e per l’Italia viene identificato come (sineddoche) solo Livigno, campione d’Italia e le acque interne del lago di Lugano”.

Che non possa essere altrimenti lo comprendiamo andando a leggere anche quanto viene previsto all’articolo 12 della stessa Direttiva n.2008/118/CE, dove al comma 1 lett.e si prevede che (art. 12) “i prodotti sottoposti ad accisa sono esentati dal pagamento dell’Accisa quando sono destinati ad essere utilizzati: per il consumo (zona franca al consumo) nel quadro di un accordo concluso con paesi terzi (zone franche) o organizzazioni internazionali purché siffatto accordo sia ammesso o autorizzato in relazione all’esenzione d’imposta sul Valore aggiunto (Iva)”.

Cosi come è utile andare a leggere quanto si prevedeva all’art.5 comma 2 della Direttiva n.92/12/CE del Consiglio del 25.02.1992 come riscritto dalla Direttiva n.92/108/CEE del Consiglio dove si precisa “che le zone franche sono considerate come paesi terzi".

 

 

Pubblicato in News Sardegna

Questo sito utilizza cookie tecnici per la navigazione. Non vengono raccolte informazioni personali.

Se continui la navigazione, accetti l'utilizzo di questi cookie. Per saperne di piu'

Approvo

ultimi EVENTI

Nessun evento

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità.

Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.

ImpronteDigitali Graphics & WebDesign